Quale impianto fotovoltaico scegliere?

Quale impianto fotovoltaico scegliere? Il primo approccio per rispondere a questa domanda è fare una ricerca su Google… almeno per la maggior parte delle persone.

Probabilmente se sei arrivato in questo articolo è proprio perché sei alla ricerca di informazioni per capire quale impianto fotovoltaico scegliere.

Ora ti mostrerò in modo molto semplice e senza tecnicismi cosa significa “buon impianto fotovoltaico”.

Cosa deve avere un buon impianto fotovoltaico?

Le caratteristiche principali di un buon impianto sono:

  1. Alta produzione di energia – le celle fotovoltaiche devono acquisire più energia solare possibile durante il giorno
  2. Accumulatore di dimensioni maggiori in base ai consumi – per accumulatore si intende la batteria che immagazzina energia. È necessario che sia ad alte prestazioni
  3. Componenti di ultima generazione – i componenti tecnologici di ultima generazione triplicano la resa dell’impianto
Partiamo dalle basi

Esistono molteplici tipi di pannelli fotovoltaici e tante volte le descrizioni sono fuorvianti. Tuttavia i più venduti nel mercato sono i pannelli con struttura policristallina. Potresti però incappare in qualche offerta dove trovi dei pannelli monocristallini a offerte pazzesche (il che sembra strano perché dovrebbero costare di più dei “poli”).

Ma qual è la differenza?

Come detto poco fa, non entrerò nel dettaglio con tecnicismi. Ti basti sapere che nell’ultimo decennio gran parte della produzione si è focalizzata per la maggiore nella produzione di pannelli policristallini perché il costo di produzione è notevolmente più basso e a differenza dei “mono” riescono ad immagazzinare luce indiretta pertanto la loro produttività è maggiore nell’arco dell’intera giornata.

Entrando in ambito quasi tecnico, i “mono” sono più efficienti di un 2% ma solo con radiazione solare diretta perpendicolare (scrivo questo perché molte descrizioni sono molto fuorvianti), tuttavia va considerato che i “poli” riescono ad immagazzinare molta (ma molta) più energia nell’arco della giornata anche con un fattore di assorbimento leggermente inferiore perché non necessitano di luce solare diretta.

A questo punto: quale impianto fotovoltaico scegliere? Un impianto con pannelli in policristallino ad alte prestazione ovviamente.

Altra domanda molto importante… l’accumulatore serve davvero?

Si, si e si! E se non è chiaro scrivo nuovamente SI! 

Ancora una volta ci viene in soccorso la tecnologia odierna perché fino a qualche anno fa le batterie per gli impianti fotovoltaici costavano moltissimo e la resa era relativamente bassa.

Ora una buona batteria ad un costo accessibile (visti gli incentivi europei e statali) è essenziale per una buona resa dell’impianto e inoltre permette di essere quasi indipendenti dalla rete elettrica. Dico quasi di proposito perché alcuni costi fissi rimarranno sempre in bolletta anche se i consumi saranno azzerati.

IMPORTANTE! Ci sono batterie e batterie e con capienza diversa… e non sempre la qualità paga. Prima di scegliere una batteria efficace vanno compresi i consumi reali in un arco minimo di tempo di 6 mesi considerando periodi caldi e freddi se possibile.

Questo genere di calcolo sembra semplice ma non lo è affatto e solo chi è esperto in energia può capire e consigliare il giusto accumulatore.

Non sai quale impianto fotovoltaico scegliere? Parla con un nostro esperto.

Compila velocemente il modulo e ti risponderemo entro 24-48 ore. Prima però devi rispettare queste 3 caratteristiche fondamentali:

 

  • L’edificio/casa è di tua proprietà?
  • Il tetto è ben esposto e ha una dimensione maggiore di 30mq?
  • Consumi meno di 10.000 Kw/annui?

Se hai risposto di si a queste 3 domande allora puoi compilare il modulo.

ORA!!! Lo sapevi che la tecnologia non è mai da sottovalutare?

È già, questo è un fattore determinante per ottenere alta produttività da un impianto!

Nell’ultimo decennio c’è stato uno sviluppo notevole ma la vera evoluzione è avvenuta negli ultimi anni… anzi possiamo dire anche mesi!

La tecnologia impiegata 3 anni fa ad esempio ora si potrebbe definire obsoleta. Quello che gli ingegneri e gli scienziati hanno realizzato adesso, sono sistemi solidi e longevi che possono durare decenni anche con l’avanzamento della tecnologia stessa attraverso a sistemi e componenti all’avanguardia e all’utilizzo di software/app aggiornabili. 

Quindi nuovamente: quale impianto fotovoltaico scegliere? È meglio risparmiare oppure acquistare qualcosa che nel tempo rende davvero?

A questa domanda ti rispondo con un’altra domanda: esiste un progetto che seleziona i migliori tetti e grazie agli incentivi e sovvenzioni installa impianti fotovoltaici ad alto rendimento senza alcun investimento.

Vuoi conoscere qualcosa di più su questo progetto? Compila il modulo ma prima devi rispondere si a queste 3 domande:

  • L’edificio/casa è di tua proprietà?
  • Il tetto è ben esposto e ha una dimensione maggiore di 30mq?
  • Consumi meno di 10.000 Kw/annui?

Com’è andata? Hai risposto di si? Allora completa il modulo.

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Condividilo su uno di questi Social

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2019 Energie Rinnovabili | Powered by Phoenix Project